In the draft #4: le piste

Home / News / Cinisio.com / 12.08.11
Tempo di lettura: 3 minuti

La NASCAR è una categoria famosa per le gare su piste ovali, ma non sono tutte identiche.

Ogni tracciato ha le sue caratteristiche, e ad interrompere la serie di piste “tonde” troviamo anche piste non ovali (i cosiddetti “Stradali”) sia nel calendario della Sprint Cup Series che Nationwide Series, rispettivamente 2 piste per ciascun campionato. La Truck Series invece si limita a sole piste ovali, le quali si percorrono sempre in senso antiorario in tutte e 3 le categorie.

La Sprint Cup corre a Watkins Glen (New York) e Sonoma (California), mentre la Nationwide Series a Road America (Winsconsin) e Montreal (Canada). Il resto delle gare è su piste ovali, ma vediamo in quante e quali famiglie possono essere suddivisi questi impianti:

Short Track

La Bristol Motor Speedway è una vera e propria arena, dove il tutto esaurito è una costante

Sono piste la cui lunghezza è di massimo un miglio (1,6 km); l’inclinazione delle curve va da pochi gradi (es.: Martinsville) ai 36° di Bristol (l’inclinazione più elevata del campionato, tale che nel percorrere le curve non si riesce a vedere l’orizzonte). Sono le piste più insidiose per via del traffico che si viene a creare, con numerosi incidenti e caution, ma sono anche tra le più spettacolari per il pubblico: in queste piste le auto sono veramente vicine ed è molto facile seguire tutta l’azione.
Non tutte queste piste sono asfaltate: a Dover e Bristol il groove (la carreggiata) è in cemento, e su queste piste sono necessarie grandi frenate per inserire l’auto in curva, onde evitare testa-coda con conclusione contro il muro.

Speedway

Sono la maggior pate delle piste del campionato; alcune sono molto simili nella configurazione, con sottili differenze di inclinazione delle curve e dei rettilinei: è il caso del trio Charlotte – Atlanta – Texas (che fanno capo alla stessa proprietà, la I.S.C.), o della coppia California – Michigan. Oltre a queste ci sono altri disegni più esotici come Darlington (con i rettilinei non paralleli, caratteristica che rende le ultime 2 curve assai insidiose), Pocono (triangolare), Indianapolis (rettangolare) e Phoenix.

Sorpassi anche su 4 file, caratteristica della Michigan International Speedway

Su alcune di queste piste si toccano le punte di velocità più elevate del campionato, e tanti di questi tracciati hanno fatto la storia della categoria; l’inclinazione delle curve (“Banking”) è assai elevato (tra i 20 e i 30 gradi), e talvolta varia all’aumentare della distanza dall’apice. I duelli sono frequenti, facilitati dalla larghezza della carreggiata, dando vita alle gare NASCAR vere e proprie: grandi battaglie ad alta velocità, condite ogni tanto con qualche incidente.

Su queste piste i piloti devono staccare prima di entrare in curva, talvolta accarezzando anche i freni.

SuperSpeedway

Chiamati anche “Restrictor Plate Tracks” per via delle limitazioni all’aspirazione imposte alle auto, sono solo 2 i tracciati a fregiarsi di questa nomea: Daytona e Talladega; le velocità qui raggiunte sarebbero le più elevate in assoluto senza le restrizioni, obbligate nei primi anni ’90 a seguito di incidenti assai gravi verificatisi.

Su queste piste i piloti non staccano mai il piede dall’acceleratore durante la percorrenza di un giro, ed è fondamentale stare in scia per guadagnare millesimi preziosi; caratteristico di questi tracciati è il bump-drafting, ovvero spingere chi sta davanti: in questo modo quest’ultimo guadagnerà maggior velocità, così come chi sta dietro, permettendo di scalare anche l’intero gruppo.

Dal 2011 su queste piste si rivelano più proficui trenini di 2 vetture, piuttosto che 2 o 3 lunghe colonne di 10 vetture come accadeva in passato, e le gare su queste piste sono sempre le più ansiogene: non c’è mai pace, e da un momento all’altro può scaturire un incidente, una vera e propria pietra tombale sui sogni di gloria di molti piloti.

Infine va detto che, nonostante ad uno sguardo superficiale sembri che le piste ovali abbiano solo 2 curve, nel gergo comune queste sono 4 sia perché in certe piste lo sono (es: Indianapolis), sia perché é più comodo per tutti (piloti, meccanici, commentatori…) chiamarle così.

Tag:

Racing news

The Team

The Partners

Collabora con noi

Continuano a navigare questo sito, accetti i termini di utilizzo dei cookie Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi