4h Wild Challenge: un ottavo posto scomodo

  1. Home
  2. Racing
  3. 4h Wild Challenge: un ottavo posto scomodo
Marco Dal Pezzo - Lignano 4h Wild Challenge, 10 novembre 2018

Gara conclusa a metà classifica per Marco Dal Pezzo, Simone e Marco Sinico a causa della sfortuna, ma anche per un pizzico di ingenuità

Fuel our passion

Sabato scorso i nostri piloti Marco Dal Pezzo, Marco Sinico e Simone Frealdo sono scesi in pista al Lignano Circuit per la 4h Wild Challenge, secondo appuntamento (su tre) della serie dopo la 8 ore di apertura conclusa al quarto posto.

Il team si è presentato sul tracciato friulano senza team manager, ma non è stato un grosso problema: la durata contenuta della gara e l’esperienza dei ragazzi gli ha permesso di disputare la gara ancora una volta senza commettere nessun errore, ed effettuando tutti i cambi pilota entro un secondo oltre il minimo tempo limite.

Simone & Marco - Lignano 4h Wild Challenge, 10 novembre 2018

Il più veloce in prova è stato Simone, che ha qualificato il kart in ottava piazza su sedici team iscritti.

A seguire Marco Dal Pezzo ha fatto un’ottima partenza, risalendo fino alla sesta posizione. Il successivo valzer dei pit ci ha visto sprofondare in dodicesima piazza dopo aver scelto di anticipare qualche cambio; poco male, avremmo recuperato successivamente. La sfortuna volle, però, che ci trovassimo dopo il primo pit totalmente isolati, a venti secondi sia dal team davanti che da quello dietro; da lì in poi, fino a mezz’ora dalla fine della gara, ogni turno ci ha visto correre senza nessuno a cui stare in scia, in quanto ogni cambio pilota durava come due giri esatti. In questo modo ci siamo ritrovati sempre nella stessa posizione, e quindi senza poter contare sulla maggior velocità assicurata dai trenini di kart che si formavano: Lignano, infatti, è una pista molto veloce, e quindi fatta per sfruttare al massimo le scie.

Marco Sinico - Lignano 4h Wild Challenge, 10 novembre 2018

Nell’ultima mezz’ora siamo risaliti fino alla settima posizione con Simone, il quale però è stato beffato da Red Racing Academy a mezzo giro dalla fine con un sorpasso micidiale, concludendo così nella stessa posizione in cui eravamo partiti: l’ottava. Avremmo potuto fare meglio se fossimo riusciti a tenere qualche scia durante la gara, visti anche i distacchi limitatissimi che separavamo i team (10-12 squadre giravano in meno di un secondo dal primo all’ultimo), ma siamo anche consapevoli di essere stati impeccabili nella strategia e nella guida.

A vincere è stato il team Red Racing 2 seguito da SMO RT e Sunlife Racing.
Il prossimo appuntamento è fissato per la 6 ore di Jesolo, gara conclusiva della nostra stagione.

Ricordiamo i nostri partner, grazie ai quali tutto questo è possibile:

  • Frealdo Asfalti
  • SNAV
  • BA Progettazione installazione impianti elettrici
  • Tecnozeta
  • 510service

Stay racing!I piloti - Lignano 4h Wild Challenge, 10 novembre 2018

Fuel our passion

Prossima gara

Pomposa Endurance Summer Series

11 Luglio 2020

Circuito di Pomposa, Comacchio (FE)

Articolo precedente
VKI Endurance 2h No Stop: un altro buon risultato
Articolo successivo
Concluso il 2018, è tempo di progetti per il 2019
Menu